Aggiornato: 10 de novembre, de 2017

Hanno creduto in me – Marvin

“In casa sono sempre stato un ragazzo molto ribelle; frequentavo cattive compagnie e, all’età di 16 anni mi sono lasciato coinvolgere con il mondo delle droghe. Sigarette, marijuana, cocaina e crack, le sostanze di cui sono divenuto dipendente. In quel periodo, preferivo la compagnia degli amici, che dare attenzione alla mia famiglia. Il mio comportamento ha fatto soffrire molto mia moglie e mio figlio, che ho perso inevitabilmente.

Ero sempre nervoso e aggressivo con lei. Un giorno esasperata si è allontanata da me, portandosi via nostro figlio. Da quel momento, il vuoto che già esisteva in me, si era trasformato in una voragine e, nonostante cercassi di colmarlo circondandomi di ragazze e serate mondane, a nulla serviva. Ad ogni fine serata, quando mi ritrovavo solo, scoppiavo a piangere. Era un dolore insopportabile, ma nonostante ciò, non riuscivo a venirne fuori, al contrario, quel mondo mi portava sempre più a fondo, come se non esistesse una fine.

Pur di lasciare quella vita “dannata”, mi sono rivolto a persone che mi hanno fatto partecipare a dei rituali esoterici, ma invece di risolvere la situazione, questa è peggiorata ulteriormente. La notte, non riuscivo più a dormire, avevo gli incubi, sentivo strani rumori, a casa avvenivano cose anomale, come le luci che si spegnevano all’improvviso e molte altre cose che mi stavano facendo impazzire.

Ho cercato di nascondermi nelle droghe, ma le voci e i rumori anziché svanire, si accentuavano sempre di più. Spesso ho vissuto situazioni in cui ero coinvolto anche in risse, ma che non ho assolutamente alcun ricordo, se non che il racconto di chi era presente. Era come se un’altra persona usasse il mio corpo.

La mia preoccupazione era così grande, che ho iniziato a frequentare una chiesa, ma non vedevo alcun cambiamento in me, entravo ribelle e uscivo ribelle! Un giorno un amico, mi ha invitato ad andare con lui alla Forza Giovane, le mie esperienze mi avevano reso scettico, ma qualcosa in quell’ambiente mi ha fatto restare, partecipando agli incontri. Gli orientamenti, i consigli e le catene di liberazione, giorno dopo giorno, hanno avuto effetto in me, così decisi di prendere a serio la situazione, iniziando a lottare per la mia vita. Non è stato facile mettere in pratica gli insegnamenti, ma mi sono sforzato, ho fatto la mia parte ed oggi, non ho più bisogno di nessun tipo di sostanza chimica per stare bene. Finalmente, sono cambiato, son un altro uomo. La pace e l’allegria hanno preso il posto del nervosismo e aggressività.”

-Marvin Barberan Mosquera

Deixe um comentário

Effettua l'accesso tramite queste reti sociali:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *