Aggiornato: 18 de agosto, de 2017

I tre mondi

Esistono tre mondi: fisico, virtuale e spirituale.

Il mondo fisico ovviamente è quello che riusciamo a vedere con i nostri occhi. Questo è il mondo più conosciuto dalla maggior parte delle persone.

Il mondo virtuale è anche molto popolare, e si espande sempre di più, con tutta la forza, a tal punto che molte persone lo preferiscono a quello fisico. Questo perché il virtuale ti permette di andare in qualunque posto di questo mondo. Esso ti permette di “conoscere” e interagire con miliardi di persone. Inoltre ti può dare accesso a ciò che il mondo fisico non permette. E questo ti dà una certa “libertà” che può essere pericolosa. E ti permette di essere qualcuno che ti piacerebbe essere.

Ciò che molte persone non sanno però, è che il mondo spirituale è colui che controlla tutte e due i mondi e, per questo, tutti, persino quelli che insistono nel dire che non esiste, si trovano sotto il suo comando.

Sai quel pensiero di buttarti che viene quando sei nella finestra di un edificio? Ecco, questo viene dal mondo spirituale.

Quell’odio che nutre i tuoi comportamenti sbagliati, che hai solo per chiamare l’attenzione dei tuoi genitori? Anch’esso viene dal mondo spirituale.

Il mondo spirituale nutre ciò che non si vede e né si ascolta, ma che esiste e ha più forza persino di ciò che si vede, poiché esso fa accadere le cose.

Quindi tu dici: – Sono spacciata!

Non proprio. Il mondo spirituale ha due signori. Il signore del male, che è il diavolo, che nutre tutto ciò che è male nell’essere umano con le sue idee, pensieri, credenze e miti. E il Signore del Bene, che è Dio, che nutre tutto ciò che è buono nell’essere umano: l’amore, il perdono, la pace, la bontà ecc.

Ogni volta che ti lasci portare dalle suggestioni del male, puoi essere sicura che sei spacciata.

-Quindi, come ascoltare le suggestioni del bene?

Investendo nella tua vita spirituale.

Chi è spirituale non si lascia trascinare dal male, poiché lo riconosce da lontano! Ma chi non è spirituale… in qualunque pensiero o desiderio è come un pesce caduto in rete.

È per questo che il Signor Gesù ci paragona alle pecore…  chi ha mai avuto accesso alle fattorie sa che le pecore riconoscono la voce del loro pastore e, per questo gli obbediscono. Altre persone possono chiamarle tutte le volte che vogliono, loro non corrisponderanno perché riconoscono solo l’autorità del loro pastore.

“Le mie pecore ascoltano la mia voce, io le conosco ed esse mi seguono…” Giovanni 10:27

Chi è spirituale è come queste pecore. Loro sanno scegliere a quale voce dare ascolto.

 

-Cristiane Cardoso

Deixe um comentário

Effettua l'accesso tramite queste reti sociali:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *